Sito gestito da:

PORTALE LAVORO

Contattaci

Il lavoro dei minorenni

Come già evidenziato e precisato dalla normativa di riferimento, fermo restando il rispetto dell’età minima di 16 anni e l’assolvimento dell’obbligo scolastico per almeno 10 anni, è necessario distinguere la concreta modalità attraverso la quale il minorenne verrà impiegato.

Da ciò deriva, come logico corollario, che l’assunzione di un minorenne dovrà tener conto della necessità di rispettare il succitato obbligo formativo.

Nell’ipotesi di assunzione a tempo pieno si è concordi nel ritenere che si potrà utilizzare la predetta forma avvalendosi solo ed esclusivamente del contratto di apprendistato e ciò in considerazione del fatto che lo stesso costituisce l’unica forma contrattuale che, prevedendo un percorso formativo aggiuntivo equiparabile a quello scolastico e professionale, è in grado di soddisfare l’obbligo formativo previsto dal d. lgs. 76/2005. 

E come già evidenziato, non essendo ancora operante la disciplina dell’apprendistato per l’espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione ex art. 48 del d. lgs. n. 276/03, nell’ipotesi in esame risulterà necessario ricorrere alla previgente disciplina dell’apprendistato dettata dall’art. 16 della legge n. 196/1997. 

Nell’ipotesi di assunzione a tempo parziale la stessa dovrà avvenire con un orario di lavoro che in relazione alla quantità ed all’articolazione sia tale da non pregiudicare l’eventuale frequenza ai corsi di studio del lavoratore studente.

Comments